Gasherbroum 2 - Parete Nord (2000) Stampa E-mail
Gruppo CammelliNivesGII da nord

Nel 1998 al Nanga Parbat con noi c’era anche Kurt Diemberger, leggenda vivente dell’alpinismo che durante i giorni di permanenza ci raccontò della spettacolare ed inviolata parete nord del Gasherbroum 2.

Quei discorsi hanno girato per un anno nelle nostre teste e così nell’estate del 2000 partimmo in 8 di Tarvisio per tentare questa parete ed esplorare queste zone.

Il viaggio durò quasi 3 mesi, un’autentica avventura in uno dei posti più belli che io abbia mai visto.

Dal Pakistan attraverso la Karakorum Highway, fino in Cina per poi lasciare i mezzi e proseguire a piedi e per valli abitate solo da pastori.
Otto giorni di avvicinamento al ghiacciaio e poi i cammelli che portavano i nostri bagagli necessari per 40 giorni di scalata sono tornati indietro e così nel totale isolamento è cominciata la nostra avventura.

Trasporto dei carichi per 30 km, poi il tentativo di salita interrotto a 6500 metri a causa del brutto tempo, le esplorazioni dei ghiacciai e la salita di 4 cime alte fino 6600 metri.

Anche senza l’arrivo in vetta questa è una delle mie più belle avventure sulle alte montagne, l’avventura, l’amicizia e il sapore del completo isolamento hanno lasciato in me un ricordo che non potrò mai dimenticare.

Campo 1SalitaLucaVerso una cima inviolata